DA BENI CONFISCATI
A BENI COMUNI
STORIE, LUOGHI
ED ESPERIENZE
DA SCOPRIRE
E VIVERE INSIEME

“Ragazzi, godetevi la vita, innamoratevi, siate felici ma diventate partigiani di questa nuova Resistenza, la Resistenza dei valori, la Resistenza degli ideali. Non abbiate mai paura di pensare, di denunciare e di agire da uomini liberi e consapevoli.
State attenti, siate vigili, siate sentinelle di voi stessi”

A. CAPONNETTO

“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà”

PEPPINO IMPASTATO

LA “TENUTA LIBERATA”
DI SPINO D’ADDA

E’ un complesso di 40.000 quadri provvisto di terreno e di strutture con finalità produttive agroalimentari, collocato nel Comune di Spino d’Adda di circa 6800 abitanti, situato in provincia di Cremona, confinante con le province di Milano e Lodi. Un contesto che da anni vede la presenza sul proprio territorio di tre beni confiscati oltre alla tenuta, tutti riutilizzati socialmente.

“Poter dare alle persone un po’ di felicità è ciò che mi manda avanti, quello che mi stimola a continuare a fare quello che faccio”

GELSOMINA VERDE

“A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca”

DON LORENZO MILANI

LA STORIA

I proprietari della tenuta sono stati condannati per i reati di evasione fiscale. La tenuta è stata sequestrata nel 2011 ed è stata confiscata nel 2013. Il 9 dicembre 2022 è stata sgomberata e destinata al Comune di Spino d’Adda che a sua volta l’ha assegnata temporaneamente alla Camera del Lavoro Territoriale di Cremona e Sindacato dei pensionati della CGIL (SPI-Cgil) di Cremona, insieme all’Associazione di solidarietà familiare “Una Casa anche per te Onlus”

GLI OBIETTIVI

Partendo da un valore simbolico ed educativo, la tenuta può diventare un punto di partenza per far sì che il bene confiscato sia luogo che risponda ai bisogni del territorio e sia punto di aggregazione sociale e di contaminazione culturale.

I CAMPI ESTIVI
ALLA TENUTA LIBERATA

La settimana è suddivisa tra attività manuali , formazioni, incontri con realtà sociali , testimonianze e momenti di socializzazione Approfondendo temi quali: la Costituzione Italiana, i beni confiscati, i beni comuni, la giustizia sociale, la mafia al Nord, Agromafia e Caporalato. Il campo sarà organizzato in base alle capacità dei partecipanti, ognuno verrà ascoltato e sarà messo nelle condizioni di portare il proprio contributo in base alle singole competenze e saperi. Attraverso la condivisione dei programmi si acquisiranno nuove conoscenze, strumenti per poter allenarsi a scegliere da che parte stare.

Un giorno durante la settimana si andrà a lavorare e conoscere la realtà della Libera Masseria di Cisliano, bene confiscato al clan di ‘ndrangheta Valle – Lampada

LE SETTIMANE ALLA TENUTA LIBERATA

1° Campo Dal 17 al 20 aprile
2° Campo Dal 12 al 15 giugno
3° Campo Dal 19 al 22 giugno
4° Campo Dal 26 al 29 giugno
5° Campo Dal 03 al 08 luglio
6° Campo Dal 10 al 15 luglio
7° Campo Dal 17 al 22 luglio
8° Campo Dal 24 al 29 luglio
9° Campo Dal 31 luglio al 05 agosto

Per poter procedere con l’iscrizione è necessario scaricare e compilare i documenti che trovi qui di seguito.
Assicurati di averlo fatto per poterli caricare in fase di compilazione del modulo!

> Liberatoria per i minori
> Autocertificazione della condizione medico sanitaria


Hai scaricato e compilato i documenti?

 

Oppure contattaci per organizzare il tuo campo

IN COLLABORAZIONE CON

CON IL PATROCINIO DEI COMUNI DI